parco del mella
Parco del Mella
Parco delle Colline
Parco di San Polo
Parco delle Cave
Il Filtro Verde...
Flora e fauna
uccelli avvistati Uccelli avvistati

La lista pubblicata è il frutto del lavoro svolto sul campo nell’arco di un anno (settembre 1995 -ottobre 1996), periodo di tempo minimo indispensabile per poter verificare la presenza delle specie di uccelli che si succedono durante le quattro stagioni in un ambiente naturale. Le osservazioni sono state effettuate soprattutto in autunno ed in primavera, quando si registra la massima concentrazione di specie dovuta al passaggio dei migratori, i quali prediligono per i loro spostamenti proprio le aste dei fiumi. La stagione migliore in assoluto per questo tipo di indagine è comunque la primavera per la possibilità di contattare le diverse specie mediante l’ascolto dei canti. Questo metodo di rilevamento è fondamentale per poter distinguere tra loro alcuni uccelli con caratteristiche così simili da renderne impossibile la classificazione unicamente tramite l’osservazione col binocolo (ad es. i Luì), e si rivela prezioso in presenza di alberi e cespugli con denso fogliame che ostacola il contatto visivo.


Nome Italiano Nome Latino Alcuni nomi dialettali
Airone Cenerino Ardea cinerea Aurù gris, ségagn, pescadùr, polì salvàdeg
Albanella Reale Circus cyaneus Falchitu dè lama, mulinèr, reanciüll, falchèt
Poiana Buteo buteo Aja, àivola, pojanù, pojanott, nébol
Gheppio falco titinnunculus Falchèt, falchèt ròss, gaenél
Falco pellegrino Falco peregrinus Falcù, falch, falchitù de campagna, falchèt ròss
Corriere piccolo Charadrius dubius Pivierì, peerì, ciurlì dè Mèla, culbianch d'acqua
Piro piro piccolo Tringa hypoleucos Bacadèla, becadìna de lach, becadilì,
Gabbiano comune Larus ridibundus Gabià, fanòcol, galvàgn, sardenàr, bèca mòrce
Gabbiano reale Larus argentatus Sarénèr, galbagnòt, gabiano gròs
Tortora dal collare Streptopelia decaotto Tùrtura, tùrtura bianca, turturìna
Cuculo Cuculus canorus Cucù, cùch, cùco, cuchét, cuch, còch, choch
Civetta Athene noctua Sièta, sivèta, cièta, seèta, saèta
Rondone Apus apus Rundù, rondulù, rendinù, dàrder
Martin pescatore Alcedo atthis Piombì, piumbì, bèca pès, pìa pès
Upapa Upupa epops Galitì de mar, lépada, galinèta, bèba, böba
Torcicollo Jynx torquilla Menacò, stortacol, bèca furmìghe, furmighèr
Allodola Alauda Arvensis Sarlöda, serlöda, ciorla, òdola, ciorlana
Rondine Hirundo rustica Rundinìna, rondinèla, ròndena, rùndin, ròndola
Balestruccio Delichon urbica Dardarì, cadinèla, rondì, volìf, rundinina
Prispolone Anthus trivalis Turdìna, durdìna, guina, aivina, cìp-zì
Pispola Anths pretensis Sguisèta, sbisèta, sgusetìna, c'p, sguissèt, gùina
Cutrettola Capocerino Motacilla flava Boarì, boar' de le bàsse, boarì nostrà, crozì
Ballerina gialla Motacilla cinerea Catrèmola, beèrota, balarìna, cùa lònga boarìna
Scriciolo Motacilla alba Sbüsasès, reatì, portafrèt, sam-martì
Passera scopaiola Troglodytes troglodytes Moritìna, muritìna, passera màta,
Pettirosso Erithacus rubecola Sbesèt, sbisitì, rossì, petarì, gòss-ròss
Usignolo Luscinia megarhyncos Usignöl, rasegnöl, ozignöl, löschinöl, resegnöl
Codirosso Phoenicurus Cò-ròss, cùa ròsa boscaröla, stiscighìna, moratì
Stiaccino Saxicola rubetra Michètt, tachètt, machètt de passàda,
Saltimpalo Saxicola torquata Coltürì, simì, icèta, machì, smansitì
Culbianco Oenanthe oenanthe Cülbiànch, ciülbiànc, tèch bianch,
Merlo Turdus merula Mèrlo, mèrla, mèrlo de macia, mèrlù,
Cesena Turdus pilaris Gardèna, gardènola de la nìvf, quà quà,
Usignolo del fiume Cettia cetti *
Sterpazzola Sylvia communis Gosèt, tuinòtt, cirabiàcola, ciciarina, bajarèla
Capinera Sylvia atricapilla Cò nèghèr, capinèro, cich-cèch, càpo, caponerù
Luì bianco Philoscopus bonelli Flüi, büì bianch, tuì, tuì bianch
Luì piccolo Philloscopus collybita Cilam-cièlam, cilìm-cialem, tuì dè dùrt
Regolo Regulus regulus Stilì, stelì, cristì, ücì de bò, sètopès
Pigliamosche Muscicapa striata Alèta, grizèl, grizèt, aletù, bècamòsche, ìches
Balia nera Ficedula hypoleuca Alì, alitì, batì-àle,alèt
Codibugnolo Aegithalos caudatus Cùa lunghi, còa lònga, scoasìna,
Cinciallegra Parus major Parisöla, sparesöla, olìa gròsa, speransì
Cincia mora Parus ater Ciutì, montagnì, ciuì, ciuìna, ciciòl
Pendolino Remiz pendulinus Pendulì, pendolì, pindulì
Averla Piccola Lanius collurio Anagànol, gazöla, gazèta, gazarèt, gazöl
Cornacchia grigia Corvus corone cormix Gròla grisa, cornàcia del tabàr, grùa
Storno Sturnus vulgaris Stornèl, storlì, sturnèl
Passera d'Italia Passer domesticus Passera, passera gròsa, pasaròt, curve
Passera mattugia Passer montanus Pasèra büsarina, paserìna, pasarutì
Fringuello Fringilla coelebs Frànuen, frànguena, ostanèl, ciciburicio
Verzellino Serinus serinus Virdizì, verzelì, verdarì, versarì
Verdone Carduelis chloris Verdù, virdù, amaròt, verdèr, lögaròt
Cardellino Carduelis carduelis Raarì, cardilì, ruarì, gardèl,gardilì
Lucarino Carduelis spinus Lögarì, lögarì, lügherì, lügarì

Terminato il periodo del passo primaverile, a partire approssimativamente dal mese di maggio, molti degli uccelli presenti possono essere considerati potenziali nidificanti. Un altro periodo in cui si sono concentrate le uscite sul campo è quello autunnale, importante soprattutto per osservare i passaggi di ritorno verso i quartieri di svernamento e per rilevare la presenza di eventuali individui giovani (ad esempio Aironi cenerini) in cerca di nuovi territori di alimentazione. Durante l’inverno sono stati effettuati dei controlli per verificare la presenza degli svernanti. In totale sono state awistate 56 specie.

Quelle giudicate più rappresentative sono segnalate in rosso nella lista e di ognuna di essere fornita poi una scheda. I criteri con cui è stata fatta questa scelta sono molteplici e possono essere così elencati:

  • uccelli presenti nell’area in numero consistente;
  • uccelli che sono stati trovati come nidificanti;
  • uccelli tipici degli ambienti fluviali;
  • uccelli particolarmente caratteristici.

Dalla lista sono assenti alcune specie, come il Passero, lo Storno e la Cornacchia grigia, che sul Mella, così come altrove, sono particolarmente comuni, mentre sono state inserite specie che probabilmente non saranno di facile avvistamento. Questo per stimolare nei visitatori la curiosità verso il mondo del fiume che, per quanto maltrattato come il nostro Mella, può ancora stupirci ed emozionarci offrendoci la possibilità di osservare (con un po’ di fortuna) animali rari e minacciati di estinzione che si pensa di poter vedere solo nei documentari televisivi.

Aggiornato fino al 2007 - Privacy - Certificazione W3C - Credits - Mappa del sito